Vermiculite espansa

Che cos'è la Vermiculite

Simile alla perlite espansa , la vermiculite espansa appartiene anche lei alla categoria dei materiali termoisolanti di origine minerale.

Questa volta la roccia vulcanica usata è una variazione morfologica della mica, mentre nel caso della perlite la roccia usata è la riolite.

Questa viene frantumata e macinata per poi passare attraverso un procedimento termico ad alte temperature nel caso della vermiculite espansa le temperature necessarie sono inferiori a quelle per la perlite, quindi dal punto di vista della bioedilizia o edilizia ecologica c’è decisamente un minor consumo di energia.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il procedimento termico fà si che si crei, espandendosi  fino a 30 volte il suo volume (nella perlite solo fino a 20 volte), una struttura microalveolare dove gli alveoli sono chiusi e non comunicanti tra loro, e questo  rende il materiale impermeabile all’acqua.

La vermiculite espansa è un prodotto termoisolante venduto in sacchi di diversa granulometria a seconda delle esigenze di applicazione.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L’insufflazione della vermiculite espansa nelle intercapedini avviene attraverso uno speciale macchinario, in fori di 8 cm, praticati appositamente (Il disegno di questa macchina si può vedere nell’articolo: perlite espansa) nella falsa parete .

Questa operazione, che può sembrare semplice a un profano, in realtà deve essere fatta da personale edilizio specializzato o da muratori esperti. Utilissima in caso di ristrutturazione di edifici preesistenti, dove si voglia risolvere il problema dell’umidità e si voglia evitare la dispersione termica.

Dove si usa
  

  •     Nelle intercapedini di pareti perimetrali ;
  •     Come isolamento nei sottotetti non praticabili;
  •     Come inerte negli intonaci e malte (granulometria fine);
  •     Mischiata al calcestruzzo come base per un pavimento termoisolante;
  •     In quanto materiale refrattario, è usato nella costruzioni di forni e laterizi per camini.

 

Caratteristiche

  •     è imputrescibile;
  •     è incombustibile;
  •     è impermeabile e inodore;
  •     non viene attaccato dagli insetti;
  •     non crea problemi con la salute degli abitanti;
  •     in caso di demolizione è riutilizzabile come inerte per calcestruzzo;
  •     è smaltibile in discariche per inerti;
  •     è un buon regolatore di umidità;
  •     è stabile nel tempo (non si assesta ne diminuisce di volume).

Stranamente, sempre parlando in termini di edilizia ecologica, nonostante esiga meno energia nel suo processo di espansione, sia come volume (espande di più) e di conseguenza nei costi di trasporto, la vermiculite espansa, sul mercato, è più cara della perlite espansa.

Sarà che il materiale è più raro, od è semplicemente pura speculazione? Ai posteri l'ardua sentenza!