Casa da ristrutturare? Ecco i consigli per un pavimento perfetto

I pavimenti delle nostre case hanno una vita difficile, sottoposti a ogni tipo di peso e calpestio in maniera ininterrotta e con possibilità limitate di intervenire per rimetterli in sesto per le complessità della posa: per questo, al momento della ristrutturazione di un’abitazione è di fondamentale importanza scegliere con cura il tipo e la qualità di questo elemento, così da fare un investimento mirato e assicurarci una pavimentazione che durerà nel tempo.

Come scegliere i pavimenti

Parquet, PVC, gres porcellanato o laminati: oggi il mercato è praticamente dominato da queste tipologie di prodotto, che hanno caratteristiche ben precise e, allo stesso tempo, una quota di vantaggi e piccole controindicazioni. Per avere un’idea di massima delle differenze e dei prezzi possiamo navigare il sito di Iperceramica, la più nota catena italiana di punti vendita di pavimenti, rivestimenti, sanitari e arredo bagno, che nella sezione dedicata ai pavimenti per interni offre una gamma molto vasta con sia in termini di modelli che di prezzi.

Le domande di base

Prima di lanciarci a capofitto nelle schede prodotto, però, conviene forse fare un passo indietro e analizzare le nostre esigenze pratiche e abitudini familiari, così da avere già un’idea di massima delle caratteristiche indispensabili che il nostro futuro pavimento dovrà avere. Dobbiamo cioè valutare la facilità di pulire la superficie, la sua resistenza agli urti, ma anche la sua versatilità; inoltre, dobbiamo tenere in considerazione anche le esigenze (e le attitudini….) di bambini piccoli o animali domestici, e – non meno importante – pensare allo stile che intendiamo portare avanti in tutta la casa.

La scelta orientata alla praticità (ma non solo)

Chi dà la priorità agli aspetti pratici e concreti può trovare una soluzione ideale nei pavimenti per interni in gres porcellanato, un materiale che sta conquistando sempre più le attenzioni dei consumatori per le sue caratteristiche. Resistente e duraturo, il grès è la tipologia di pavimenti più forte oggi in commercio – merito di un processo di produzione che prevede una cottura a temperature davvero elevate della ceramica, che così si compatta perfettamente – tanto che è usatissima anche per terrazze, balconi e ambienti esterni.

In sintesi, un pavimento in grès porcellanato è impermeabile, resistente all’usura, alle scalfitture, agli attacchi degli agenti chimici e addirittura alle macchie. Ma ciò non significa non prestare attenzione all’estetica, perché le più moderne piastrelle in gres sono in grado di riprodurre l’aspetto estetico dei principali materiali, con effetti pietra, cemento, marmo o anche legno, che abbinano la ricercatezza piacevole di questi elementi con i vantaggi propri di questa piastrella speciale.

Per chi non rinuncia allo stile

Chi ama lo stile classico e senza tempo del legno potrà invece optare per un pavimento in parquet, capace di rendere una stanza sempre accogliente, elegante e calda. I vantaggi di questo materiale naturale sono conducibilità termica e isolamento acustico, ma tra i punti critici bisogna segnalare la delicatezza e un costo più elevato rispetto ad altre soluzioni.

Il giusto compromesso

Un compromesso tra queste due tipologie è rappresentato dai pavimenti laminati con effetto legno, che superano l’ostacolo della resistenza grazie alla loro composizione (più strati di fibra di legno e materiale plastico), che lo rendono non solo capace di durare a lungo, ma anche economico – tanto da meritarsi la definizione di “finto parquet economico”.

La soluzione moderna

L’ultima macro-categoria è quella dei pavimenti in PVC, che si rivelano economici, resistenti e riciclabili al 100 per cento; inoltre, questi sono anche i più facili da posare (possono anche essere installati al di sopra di una pavimentazione precedente), hanno profili estetici di pregio e sono facili da pulire.

Ceramica Materiale

maioliche Il materiale ceramica viene utilizzato molto spesso nel settore dell’edilizia. Fin dall’antichità questo incredibile materiale viene impiegato soprattutto per le pavimentazioni.

Una pavimentazione in ceramica possiede infatti numerosi vantaggi:

  • Resiste al trascorrere del tempo e all’usura
  • Resiste ai graffi
  • Facile da pulire e trattare
  • Disponibili vari colori e formati

Molte sostanze e ingredienti combinare tra loro creano dei colori e un aspetto estetico della ceramica differente. Ad esempio, a seconda del numero e della tipologia di ossidi coloranti, possiamo avere delle tonalità di colori differenti della ceramica.

Il silicato di zirconio invece viene impiegato per gli impasti di colore bianco.

Impasto Ceramico: Come si ottiene?

L’impasto ceramico serve per ottenere il materiale; principalmente composto da argilla e sabbia, vengono aggiunti poi degli ossidi per colorare l’impasto e ottenere delle tonalità differenti.

In commercio si trovano tante varianti delle ceramiche, vediamo insieme uno dei più richiesti: il gres porcellanato

Gres Porcellanato: Caratteristiche

Cosa distingue una tradizionale ceramica da un gres porcellanato? A differenza del materiale classico, il gres può assomigliare quasi del tutto ad un diverso materiale.
Spieghiamo meglio: un gres con effetto legno assomiglierà perfettamente ad un parquet, questo significa che avrà le stesse tonalità di colore e striature.

Il gres con effetto marmo invece sembrerà in tutto e per tutto corrispondente a questo materiale pregiato.
Ma perché acquistare un gres anziché un marmo oppure un parquet? Innanzitutto per il costo della materia prima.

Altro fattore da considerare è sicuramente il costo della manodopera, quindi dell’installazione delle piastrelle o listoni.

Infine, ma non ultimo, il costo della manutenzione. Un pavimento in parquet o in marmo avranno bisogno ogni tot di tempo di una manutenzione straordinaria, per mantenere il prodotto intatto ed eliminare eventuali difetti o macchie.

Le Maioliche

Le maioliche sono perfette per decorare e abbellire le pareti della casa, in particolare nelle stanze del bagno e della cucina.
Non solo pavimenti dunque, ma soluzioni sempre più personalizzate. Una delle ultime tendenze è quella di applicare le maioliche sulla parete del soffitto, riprendendo un po’ quelle che erano le tecniche di decorazione dell’antichità.

A seconda del tipo di impasto ceramico, delle modalità di cottura e delle decorazioni avremo un tipo diverso di maiolica.
Come vedi quindi da una semplice ceramica possiamo ottenere davvero di tutto.

Vuoi un preventivo per pavimenti e pareti decorati con la ceramica? Collaboriamo con imprese edili e professionisti provenienti da tutta l’Italia. Contattaci e riceverai in meno di 24 ore tutti i dettagli del lavoro e i relativi costi.
Il preventivo è gratuito!

Pavimenti in legno

Il Parquet

Il processo di decisione su quale pavimento scegliere, deve prendere in considerazione tra le altre cose  la sua finalità:
 
La finalità dei pavimenti è rivestire la parte terrea e decorare gli ambienti. In questo articolo di approfondimento parleremo dei pavimenti in legno.
 
Ricordatevi che cambiare un pavimento esige molto più sforzo (anche in termini economici) che cambiare il layout dei mobili di una sala, pertanto la vostra scelta deve sempre prendere in considerazione  una prospettiva di tempi lunghi.
 

Alcuni altri fattori devono essere considerati prima della scelta finale:

  • Come tutti i rivestimenti soggetti al traffico, il pavimento deve essere resistente e conservare il suo aspetto iniziale per lungo tempo.
  • Igiene: preferite pavimenti facili da pulire, con poca manutenzione e che non accumulino sporcizia.
  • Conforto termico: Quando calpestate il pavimento a piedi scalzi, questo non deve dare la sensazione di freddo né di calore.
  • Conforto acustico: I rumori che ne risultano quando calpestato, devono essere i minimi possibile, soprattutto in un appartamento.
  • Preservazione dell’ambiente: Cercate pavimenti in legno che provengano da piantagioni ecosostenibili o che usino meno legno nobile come i pavimenti in piallaccio (multilaminato).
  • Valorizzazione dell’immobile: I pavimenti devono sempre essere considerati come un investimento e non come una spesa.

Pavimenti in Legno (parquet)

La scelta di un pavimento in legno soddisfa sempre di più e sempre più persone, dato che in realtà ha caratteristiche uniche: è di origine naturale, accogliente, elegante, di facile manutenzione e allo stesso tempo, arreda e valorizza l’immobile. 

Selezioniamo adesso i due metodi più conosciuti:

  1. Pavimento di legno massello: composto da pezzi interi dello stesso legno. Nella maggior parte dei casi è venduto senza rifinitura. Questa viene eseguita da personale specializzato dopo il lisciamento in opera, procedimento questo che alza il suo costo/beneficio, già che la vernice così applicata ha una resistenza inferiore a quella proveniente dalla fabbrica, nella quale è presente anche l’ossido d’alluminio. Comunque presenta il vantaggio di poter scegliere il tipo di rifinitura (più o meno grezza, e più o meno lucida).
  2. Pavimento di legno multilaminato:Il parquet di multilaminato  è ricoperto da uno strato di legno prezioso che può variare da 0,6 mm a 3,0 mm. E`rifinito con 8 passaggi di vernice con ossido di alluminio che rinforza la resistenza naturale del legno, proteggendolo completamente dalle macchie, dai graffi e altri tipi di marche, e ha un ottima relazione costo/beneficio. La sua base è composta da un pannello di 5 lamine di legno massiccio selezionato, garantendone la stabilità strutturale senza il pericolo di spaccature. Le sue linee sono disegnate e colorate dalla natura stessa  e dovuto all’ampia varietà di tipi di legno usati, combinano con qualsiasi stile: formale, casual ecc. Ideale per residenze sofisticate.
Questo tipo di parquet di legno rappresenta al giorno d’oggi quello che esiste di più moderno in termini di pavimenti di legno, oltre il pavimento in tavolato da demolizione trattato che però fà molto rustico ed è ideale per case di campagna o ristrutturazione di vecchi casolari.
 
 
laminato multi-laminato
 
legno massello tavolato
 
 
 
Il pavimento in legno multilaminato domina ormai i mercati mondiali perché meno caro e soprattutto ecosostenibile. Vediamo insieme confrontando le differenze tra le due qualità:
 
Pavimento laminato Pavimento multilaminato
la superficie che si calpesta è composta di formica, ossia carta in alta pressione, normalmente imitando il legno Parte calpestabile in legno nobile, strato che varia da un altezza di 0,6mm a3,0mm, con 8 strati di vernice ad alta resistenza contro abrasioni
E`decisamente più duraturo La durabilità dipenderà dalle attenzioni del cliente, come evitare tacchi a spillo e collocare feltro sotto i mobili.
Molto rumoroso per camminarci sopra, sconsigliato a chi ha cani che scorrazzano in casa (per il rumore). Non fà rumore, già che la sua istallazione è fatta direttamente sul contro-pavimento.
Prodotto più comune, indicato principalmente in aree commerciali. Valorizza poco l’immobile Valorizza l’immobile, indicato per abitazioni.
Si utilizza un tessuto felpato e non è incollato direttamente sul contro-pavimento, è chiamata di istallazione fluttuante Si utilizza un adesivo speciale ed è totalmente incollato sul contro-pavimento.
Grande varietà di colori e imitazioni di legni uniformi La sua gamma di scelta dei legni è minore, ma i suoi colori sono vivi, ed ogni pezzo è differente dall’altro, dato che è un prodotto di origine naturale
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Diciamo che il pavimento di parquet multi-laminato a volte viene confuso con il pavimento in legno massello. Vediamo adesso le differenze fondamentali tra questi due tipi di pavimento in legno:
 
Pavimento di Legno massello  Pavimento in multi-laminato
Si espande e si contrae a seconda delle variazioni di temperatura, come dell’umidità. Può aprire spaccature o impennarsi. Non apre spaccature e non impenna, dovuto al suo modo di essere costruito.
Si rifinisce con la vernice impregnante sul posto, con 3 strati di tinta. Richiede una pre-lisciatura con macchina prima di poter passare la vernice Viene verniciato dalla fabbrica, con 8 passate di impregnante che contiene ossido di alluminio. Alta resistenza alle abrasioni
Può essere lisciato e verniciato di nuovo nel tempo , rinnovandolo completamente Può essere verniciato di nuovo ma solamente quello spesso 3,0 mm , ma la durata della vernice di fabbrica è decisamente migliore.
Istallazione complessa e di abilità, richiede varie tappe. Istallazione facile e pulita.
Essendo di legno massello nobile si consuma molto più legno prezioso che non sempre
viene dalle piantagioni.
Il legno prezioso viene approfittato di più e il restante è certificato come provenienza.
E`più caro. E`più a buon prezzo.

 

 

 

 

Esistono molti altri tipi di parquet più o meno naturali: in fibre di legno pressate dove la parte centrale è fatta di HDF o HPP, o di legno riciclato che mischia il 60% di legno riciclato e il 40% di legno massello, hanno tutti differenti visuali e look corrispondenti all’arredamento desiderato.

Il parquet tradizionale in stecche può essere collocato :
 
  • A spina di pesce
  • A squama di pesce
  • A dama
  • In parallelo
  • Convenzionale
Sempre comunque rivolgersi a personale qualificato nella collocazione dei parquet, per evitare sprechi, ottenere buoni consigli, e una sistemazione che duri nel tempo.

I PAVIMENTI IN COTTO

Il cotto gode di un’antichissima tradizione.

Dallo stile rustico ed accogliente, i pavimenti in cotto sono dotati di caratteristiche estetiche del tutto affascinanti.

Le irregolarità nel taglio e nella levigature donano al pavimento di cotto un volto caldo ed antico.

Ciò è dovuto in gran parte al tipo di lavorazione a cui sono soggette le piastrelle di cotto: vengono lavorate a mano, essiccate, cotte inforno e rifinite superficialmente. Quest’ultimo passaggio permette di ottenere piastrelle in cotto lisce, carteggiate o grezze.

L’idea comune è che un pavimento di cotto sia estremamente delicato e di difficile manutenzione.

Questo è vero solo in parte. Molto dipende dalla qualità delle materie prime e dall’attenzione con cui il pavimento in cotto viene posato.

La nostra azienda è molto attenta ad entrambi questi fattori.

Inoltre rispettiamo rigorosamente i tempi di posa e operiamo un’accurata manutenzione del pavimento di cotto.

In tal modo, anche dopo molti anni di intenso calpestio, un pavimento di cotto da noi posato e manutenuto è in grado di conservare intatto il suo antico fascino.

Pur avendo varietà inferiore alle piastrelle di ceramica, anche per le piastrelle di cotto esiste una notevole gamma di formati, disegni e colori.

Oltre al rinomato cotto toscano vi sono piastrelle di colore più chiaro, come le formelle (prodotte con la miscelazione di argille dalle tonalità differenti), il cotto spagnolo e il cotto mediterraneo.

Le piastrelle di cotto possono essere di forma quadrata, rettangolare, romboidale, esagonale, ecc. Vengono prodotte anche forme specifiche per davanzali, gradini e battiscopa.

Inoltre, le piastrelle di cotto vengono realizzate con diversi tipi di materiale studiati per ogni tipo di pavimento: pavimento della cucina, pavimento del bagno, pavimento dell’ingresso o pavimento della camera da letto.

 

Le pose classiche di un pavimento in cotto sono:

 

Piastrelle quadrate accostate tra loro

Piastrelle quadrate accostate tra loro

Listelli rettangolari disposti a lisca di pesce

Piastrelle disposte artisticamente

I pavimenti in ceramica

Le piastrelle di ceramica sono indubbiamente la soluzione più comune ed apprezzata per rivestire il pavimento della propria casa.
Ne esistono di svariate forme, dimensioni, colori e decori.
La bellezza, la resistenza nel tempo e la semplicità di pulizia sono tra le caratteristiche principali di un buon pavimento rivestito con piastrelle di ceramica.

 

Essenzialmente esistono due tipi di piastrelle di ceramica:

  1. Le piastrelle monocottura
  2. Le piastrelle bicottura

Le piastrelle monocottura sono prodotte cuocendo contemporaneamente, a temperature molto elevate, la formella in argilla e lo smalto superficiale.
Questo processo da origine a piastrelle particolarmente robuste e resistenti al gelo. Sono quindi adatte anche per pavimenti esterni.

 

Le piastrelle bicottura subiscono un processo di produzione a due intervalli: prima viene cotta la sola forma in terra, successivamente viene decorata, smaltata e cotta nuovamente.
Queste ultime, per quanto abbiano forme molto regolari, sono decisamente più fragili delle piastrelle monocottura. Inoltre, il pavimento assorbirà l'umidità e si spaccherà col gelo.