I consigli per scegliere la scala per interni

“Il mondo è fatto a scale, c’è chi le scende e chi le sale” recita un vecchio adagio. I gradini della vita sono per loro natura imperfetti, irregolari e imprevedibili. Quelli delle nostre abitazioni o del posto di lavoro invece rappresentano un elemento di interior design perfetto, prezioso e insostituibile. Le scale per interni infatti non soddisfano soltanto precise esigenze di natura pratica, come collegare un piano all’altro, ma aggiungono valore e stile all’intero ambiente.

Le scale in muratura vengono costruite insieme alla casa, sono solide e stabili ma spesso non corrispondono a canoni estetici soddisfacenti. Quelle prefabbricate sono le più vendute perché utilizzano vari materiali, possono essere realizzate su misura, si possono riutilizzare anche cambiando casa e soprattutto è possibile modificarle nel tempo. È una spesa quindi che acquista valore anno dopo anno, un investimento sicuro. In muratura o prefabbricate, devono essere perfette, solide e belle da vedere. Destreggiarsi tra forme, materiali e normative relative alla sicurezza non è semplice. In questa guida ti sveleremo i consigli per scegliere la scala per interni perfetta per le tue esigenze.

I consigli per scegliere la scala per interni

La scala per interni è un po’ come la spina dorsale di una casa. Rende possibile il passaggio da un piano all’altro e può trasformare anche il più modesto dei corridoi in uno spazio elegante e raffinato. Per scegliere il modello più adatto non basta consultare semplicemente un sito, un opuscolo o leggere una rivista di arredamento. Ci sono molti aspetti da valutare prima di acquistare una scala per interni. Conoscerli ti servirà per non commettere errori e per goderti quello che possiamo considerare a tutti gli effetti come uno degli elementi più importanti di un ambiente.

La normativa

Partiamo dal consiglio più tecnico, necessario per fare le cose in regola. Per rispettare la normativa vigente devi consultare il Regolamento Edilizio Comunale nella sezione relativa alla realizzazione di scale interne. Ci sono però alcune disposizioni universali. Ti elenchiamo le più importanti:

· L’inclinazione della scala deve essere compresa tra i 30° e i 60°

· La larghezza delle rampe deve rispettare la misura minima di 80 cm

· La parte del gradino dove poggia il piede (pedata) deve essere almeno di 30 cm

· La portata di una scala per interni deve essere di 4 quintali al metro quadrato

· Gli elementi delle ringhiere devono essere distanziati al massimo di 10 cm

Il budget

Il secondo consiglio riguarda la somma che hai a disposizione per acquistare la scala. Sapere in anticipo quanto puoi o vuoi spendere ti aiuterà nella scelta delle forme e dei materiali. Per avere un’idea precisa dei costi ti consigliamo di fare un preventivo con l’azienda prescelta perché il costo finale dipende da molte variabili. Le dimensioni della scala, l’altezza da colmare tra un piano e l’altro, il parapetto sono degli aspetti che incidono sul prezzo finale, elementi che ricordiamo devono rispondere anche a precise normative in materia di costruzioni. A questo poi devi aggiungere il costo del trasporto e del montaggio. Il suggerimento che sentiamo di darti è quindi di rivolgerti a un professionista del settore che sappia guidarti con semplicità e competenza fornendoti un preventivo corretto e veritiero in base al budget di partenza.

Lo spazio

Prima di acquistare la tua scala per interni, guarda con attenzione le misure della stanza. Se scegli una scala troppo grande infatti l’effetto non sarà piacevole perché avrai la sensazione di un elemento capace di “mangiare” l’ambiente circostante, rendendolo molto più esiguo rispetto alle sue dimensioni reali. Le scale rettilinee, pregevole complemento d’arredo nel modello a sbalzo, sono ideali per aree della casa un po’ strette come un corridoio o, ad esempio, lo spazio davanti alla porta d’ingresso. In commercio puoi trovare scale appositamente formulate per spazi ristretti, sottotetti, loft, scantinati e mansarde. Questi modelli sono talmente pratici e sicuri che possono sostituire anche le scale retrattili, garantendo una funzionalità elevata con il minimo ingombro. Le scale a L, invece, generalmente sono indicate per le zone giorno, perché solitamente più spaziose. Per un soppalco o un’area compatta invece è necessaria la scala a chiocciola. Come puoi ben vedere anche in questo caso il parere di un professionista può aiutarti a scegliere l’elemento che meglio si adatta alla tua abitazione.

Comfort e sicurezza

Il comfort e la sicurezza sono due aspetti che spesso vengono trascurati nel momento in cui si scelgono le scale per interni. In realtà anche questi elementi servono a chiarire bene di cosa hai bisogno. In casa ci sono bambini e anziani? In questo caso devi scegliere scale solide, sicure, con un robusto corrimano. Gli ultimi modelli sono realizzati con strutture portanti in alluminio anodizzato, leggero e confortevole, che assicura solidità senza rinunciare a un design sinuoso e accattivante.

Materiali

Legno o metallo? La scelta dipende in larga misura dal tuo gusto personale. Il legno è la declinazione dell’eleganza e della raffinatezza. La sua presenza in un ambiente regala nell’immediato la sensazione del calore e dell’accoglienza, le sue venature sono delicati giochi naturali capaci di catturare l’attenzione. Inoltre, aspetto non trascurabile, le scale in legno sono leggere e sicure per i bambini. Il massello di rovere è una delle scelte più gettonate perché offre un’elevata resistenza agli urti e al trascorrere del tempo. Il legno di olmo è molto pregiato, facile da lavorare e con delle belle venature evidenti. La scala in metallo è robusta e resistente alla corrosione, costa leggermente di più rispetto a quella in legno e spesso è perfetta per le case che necessitano di un tocco di design molto raffinato, di classe. Un esempio su tutti, la bellezza delle scale per interni in ferro battuto che, con la lavorazione accurata della balaustra e il fascino intramontabile del materiale, regala un tocco di prezioso vintage che sta bene in qualsiasi ambiente, da quello classico fino al contemporaneo urban-chic.

Scala a chioccola o a giorno?

Come abbiamo già sottolineato, la scala a giorno è perfetta in un ambiente dove non sono presenti particolari problemi di spazio. Può essere a rampa unica, a L, a K, con gradini a sbalzo, fissati alla parete oppure alla scala stessa. Tra i vantaggi che presenta questa scelta ricordiamo la grande adattabilità al contesto strutturale e la comodità di salita e discesa. La scala a chiocciola invece è ideale negli ambienti dove c’è bisogno di un ingombro ridotto. Si monta facilmente, è pratica e resistente. Se scegli questa soluzione ricordati di verificare la portata massima del solaio in quanto occorre forarlo in base al diametro della scala stessa. Puoi utilizzarla per i soppalchi, come scala secondaria, per collegare un dislivello: la scala a chioccola è un complemento d’arredo versatile, di design, semplice da montare. È poco indicata se in casa ci sono bimbi piccoli e persone con ridotte capacità motorie.

Infine un ultimo suggerimento. Prima di acquistare la scala per interni, accertati di aver subordinato la scelta al rispetto dei criteri che ti abbiamo elencato e di aver preso in esame varie soluzioni e ogni singolo dettaglio. La scelta corretta, soprattutto fatta in collaborazione con i professionisti del settore, rappresenterà un valore aggiunto per la tua abitazione.