Abbigliamento Payper personalizza il tuo stile

payper abbigliamento - Abbigliamento Payper personalizza il tuo stile

Leader nel settore dell’abbigliamento italiano, Payper è un brand italiano produttore di prodotti di alta qualità dallo stile inconfondibile. L’abbigliamento Payper offre la possibilità di vestire per lavoro indossando indumenti che rispecchiano la moda e le tendenze.

Tutti i capi sono interamente personalizzabili e sono adatti per essere indossati in qualsiasi ambiente di lavoro, sono confortevoli, pratici e ideali anche per il tempo libero.

Attraverso gli articoli più svariati, felpe camicie, giubbotti, pantaloni, t-shirt, polo e tanto altro potrai creare lo stile più adatto alle tue necessità, dando vita a soluzioni uniche e inimitabili, assolutamente esclusive, che distinguono per lo stile e il gusto.

L’abbigliamento professionale Payper rispondere a tutte le esigenze richieste da qualsiasi settore e assicura il massimo delle prestazioni in ogni ambiente di lavoro. La scelta dei prodotti è molto ampia e ti offre un assortimento senza eguali per soddisfare ogni necessità.

Abbigliamento Payper per soddisfare ogni esigenza

Con l’abbigliamento Payper puoi soddisfare ogni esigenza e ogni tua idea può diventare realtà. Dai libero sfogo alla tua creatività e aggiungi un tocco di personalità ai capi che desideri utilizzare per il tuo ambiente di lavoro, qualunque esso sia, o per la quotidianità, o ancora per il viaggio.

La qualità è sempre garantita e otterrai il risultato desiderato grazie alla professionalità e alla disponibilità di un’azienda che utilizza solo materiali all’avanguardia. Payper, infatti, crede fermamente nella ricerca e nello sviluppo per migliorare design, vestibilità e performance dei propri prodotti e investe il massimo per garantire sempre comfort elevato e poter soddisfare completamente i suoi clienti.

Proprio la qualità elevata dei materiali è una delle prerogative che assicurano massima sicurezza nel lavoro e testimoniano come Payper sia un’azienda in grado di dare prodotti funzionali e di garantire sicurezza nel loro utilizzo.

Con l’abbigliamento Payper trovi sempre capi specifici per qualsiasi tipo di attività, funzionali, sicuri, adeguati ad ogni occasione e che permettono di affrontare il lavoro con comodità.

Abbigliamento Payper per stampe di alta qualità

Personalizza il tuo stile con Payper e trasforma i capi come desideri: scegli la tecnica di stampa preferita, serigrafia, termosaldatura, stampa in pvc e ricamatura per personalizzare come vuoi tu ogni capo.

Con la stampa serigrafica puoi creare ciò che desideri praticamente su qualsiasi articolo dell’azienda, ma puoi anche scegliere la termosaldatura per imprimere la stampa preferita: questa tecnica utilizza il potere calorifero e assicura lunga durata nel tempo.

Per grafiche multicolour puoi scegliere invece la stampa in pvc, ideale per resistere ad ogni tipo di lavaggio e perfetta per garantire massima vivacità ai colori.

E non dimenticare la ricamatura, una tecnica dall’effetto davvero strepitoso, perfetta anche questa per personalizzare ogni genere di prodotto idoneo e che assicura risultati straordinari.

Grazie alla disponibilità di uno staff sempre disponibile e pronto a consigliare la soluzione migliore puoi scegliere la tecnica più adatta a realizzare ciò che desideri, con la certezza di ottenere sempre un risultato perfetto e in linea con le aspettative. Il rapporto qualità prezzo è sempre una costante che con Payper è assicurato!

Giardino piccolo: idee per realizzarlo

Avete un giardino piccolo e non sapete come arredarlo? La progettazione giardini, specie di quelli più piccoli è sempre molto particolare per questo per fare in modo che il vostro spazio verde sia ricco e perfetto, bisognerà sempre essere pieni di idee e metterle in campo con creatività e praticità.

È vero che negli spazi verdi le dimensioni contano, ma le grandi idee riusciranno a coprire qualunque tipo di limite così da fare in modo che il vostro giardino sia comunque perfetto anche se molto piccolo.

Se il giardino si trova davanti alle vostre case che se invece si trova alle spalle sarà fondamentale creare un piccolo angolo speciale in cui raccogliere uno spazio verde e far in modo che ogni piccolo angolo possibile sia sfruttato nel miglior modo possibile.

Ecco alcune idee che potrebbero tornare utile a coloro che devono realizzare un piccolo giardino e vogliono farlo con creatività e soprattutto lasciando ordine e pulizia nel loro spazio all’aperto.

Idee giardino: ecco come progettare un giardino piccolo

Ci sono alcuni giardini molto piccoli ed altrettanto funzionali che magari danno l’opportunità di installare una fontana o delle piante anti insetti. Questo vi permetterà di creare degli spazi in cui magari scegliere i tipi di piante che più si adattano alle vostre esigenze.

In determinati contesti i giardini piccoli possono essere sviluppati in altezza, con delle piante pensili oppure prevedendo anche l’installazione di piante aromatiche con l’aiuto di vasi installati in verticale. In altri casi si può scegliere di sfruttare il proprio piccolo giardino con delle piante rampicanti e magari installando nel poco spazio a disposizione una comoda seduta in cui godere lo spazio all’aria aperta con disinvoltura.

Come creare ombra in giardino

Per creare un angolo ombreggiato, a volte può essere anche utile scegliere delle piante che proteggono sole e che hanno delle forme geometriche, invece previste nella parte sottostante fatte magari con pietre oppure sabbia.

Questo vi permetterà di creare un ambiente molto rilassante da un punto di vista visivo. Alcuni invece decidono di installare una piccola area zen in un giardino in modo da fare il stile e design e anche per cercare di raggiungere l’obiettivo di avere uno spazio ordinato è bello anche da un punto di vista estetico, nonostante le dimensioni siano purtroppo ridotte.

In alcuni casi, si potrà scegliere anche di installare delle strutture in ferro, come pergole, archi e gazebo, che daranno libero sfogo alle piante rampicanti.

AZ Tende, non solo sole zanzariere e tende da sole

aztende - AZ Tende, non solo sole zanzariere e tende da soleVivere serenamente gli ambienti interni e gli spazi esterni ora è possibile grazie a sistemi di schermatura da interno come le zanzariere e sistemi di schermatura da esterno come le tende da sole. Si tratta di due forme di protezione molto diverse che però condividono alcuni vantaggi e benefici.

Analizzando più da vicino le zanzariere e i relativi vantaggi è possibile constatare il loro raggio d’azione: proteggere gli spazi interni dalle infestazioni di insetti e piccoli animali, creare costanti ricambi di aria e ridurre il dispendio energetico dovuto a sistemi refrigeranti.

Procedendo con un veloce focus sulle tende da sole, invece, è possibile ravvisare il vantaggio di realizzare spazi esterni al riparo da sole e caldo, creare spazi supplementari, migliorare la vivibilità degli ambienti interni e difendere dall’intrusione di sguardi indiscreti.

Quello che ne viene fuori è che si tratta di sistemi che permettono di migliorare lo svolgimento delle normali attività e l’andamento della vita quotidiana.

L’opera di installazione di tali strutture incontra un unico deterrente ovvero la scelta della realtà specializzata a cui affidarsi. Ogni azienda o team di specialisti promette di realizzare opere di qualità a prezzi concorrenziali, esaudendo ogni tipo di desiderio. Non sempre però questi propositi vengono realizzati.

La scelta di una realtà specializzata seria, affidabile e proattiva è importante per riuscire a valutare diverse soluzioni e personalizzare il modello a seconda delle singole esigenze: tende a pergola, strutture in policarbonato, tende a bracci, tende verticali, cappottine, box auto, pergolati in legno, tende a rullo system zip, rulli screen, oscuranti, zanzariere, veneziane e tapparelle.

Entrare in contatto con una squadra di specialisti del settore permette di ottenere preventivi chiari e tecnicamente all’avanguardia, proposte che non rinunciano agli alti standard di qualità e alla piena soddisfazione del cliente. Senza questi requisiti l’installazione del sistema di schermatura potrebbe non assolvere ai propri compiti e lasciare spazio a rammarico e disillusione.

Nel panorama di settore, AZ Tende si è sicuramente distinta nel corso dei suoi 25 anni d’esperienza per competitività, esperienza e proattività. Il suo modello di comportamento rappresenta il fattore comune a tutte le aziende di settore che possono essere considerate affidabili, serie e professionali: ogni opera e intervento vengono realizzati con un approccio dedicato alle necessità del cliente, alle questioni logistiche dell’ambiente di riferimento e al fattore estetico.

Sopralluogo, suggerimenti, preventivo, realizzazione su misura e installazione rappresentano i parametri in grado di tracciare i contorni di una realtà specializzata in sistemi di schermatura come AZ Tende, un team pronto a operare con una scrupolosa cura dei dettagli di produzione, un’assistenza a 360° e un’elevata soddisfazione dei clienti.

In ogni caso, il tempo speso nella ricerca e le piccole delusioni saranno ripagati dall’incontro con personale competente e dall’installazione di sistemi robusti, funzionali ed esteticamente belli.

 

Case prefabbricate, un trend in forte crescita

Sarà stato forse per via del terremoto, che da circa un anno e mezzo è una minaccia costante per le popolazioni del centro Italia, ma quello delle case di legno prefabbricate è un trend in forte crescita e che non accenna a diminuire. Di certo la lunga sequenza sismica degli ultimi anni ha provocato non solo molti morti e moltissimi danni soprattutto alle abitazioni, ma anche tanta paura tra le persone. E si sa, purtroppo la leva della paura è quella che ci fa muovere con più istinto e ci porta a fare scelte che ci sembrano obbligate dalla nostra psiche. Va detto infatti che le case prefabbricate in XLAM sono costituite da una pressatura di almeno 3 strati di legno incollati con sostanze antitossiche, il che le rende assolutamente stabili anche nel malaugurato caso di un forte evento sismico. In tanti dunque hanno cominciato ad informarsi con sempre maggiore insistenza riguardo all’eventualità di costruire case di legno prefabbricate.

Paura del terremoto ma non solo: sono tanti i motivi per ricorrere a questo tipo di costruzioni

Dicevamo dello spauracchio del terremoto come leva principale per la costruzione di tante nuove abitazioni in legno. Ma c’è dell’altro. Prima di tutto, c’è molta più informazione attorno a questo genere di costruzioni, il che ha permesso di sconfiggere la parziale diffidenza dalla quale erano “avvolte”. C’è da dire che si tratta a tutti gli effetti di casa fisse e non mobili come erroneamente tendevano a pensare in molti. Dunque case che hanno tutti i comfort, le funzionalità e gli accessori di tutte le altre abitazioni.

Tempi e permessi per la costruzione: un iter più snello

Sfatato il mito relativo alla stabilità della struttura, passiamo ad analizzare un altro paio di aspetti che esaltano la comodità delle costruzioni in prefabbricato. Facciamo riferimento ai tempi tecnici e agli aspetti burocratici necessari per avere un’abitazione di questo tipo. Per realizzare una casa prefabbricata occorrono circa tre mesi pieni di lavoro (90 giorni effettivi mediamente) con un prezzo medio stimato attorno ai 78mila euro totali, comprensivi di mano d’opera e materiali. I componenti sono moduli già precedentemente realizzati, mentre per quanto riguarda gli altri tipi di lavoro da fare ci sono quelli idrici, elettrici e urbanistici che vengono eseguiti al momento. Come si può evincere da questi dati dunque, il risparmio è corposo in diverse voci e componenti della casa.

Altro aspetto fondamentale è quello relativo ai permessi: va detto infatti che non tutti i terreni sono adibiti a questo tipo di costruzione. E’ molto importante quindi affidarsi ad esperti del settore che seguano il progetto in maniera capillare sin dall’inizio.

Ecosostenibilità: il fiore all’occhiello di queste strutture

Oltre agli aspetti già citati, c’è n’è uno che forse è quello che sta più a cuore alla maggior parte delle persone che staranno leggendo questo articolo. Parliamo dell’ecosostenibilità, argomento molto in voga ultimamente e che genera sempre molto “appeal”. Si sa infatti che la riduzione di consumi e il risparmio energetico fanno gola, e allora quale migliore soluzione? Le case prefabbricate hanno infatti materiali che permettono tutto ciò: soprattutto il legno (in particolar modo l’abete) che è il componente maggiormente usato per queste strutture.

Come si cura il giardino in inverno

Nel corso della stagione invernale, un giardino ha bisogno di attenzioni superiori al resto dell’anno. Niente di troppo complicato, però: basta sapere come agire e dove intervenire. Ringraziamo il Centro Verde Rovigo (https://www.centroverderovigo.com) che ci ha fornito alcuni consigli indispensabili ad affrontare la stagione fredda, li elenchiamo di seguito:

Come potare le siepi

La potatura delle siepi è una delle operazioni a cui ci si deve dedicare in inverno per fare in modo che il giardino risulti sempre impeccabile. In realtà sarebbe preferibile intervenire già nel mese di ottobre, visto che in autunno non si possono escludere le prime gelate notturne. Nel momento in cui il suolo diventa duro, è indispensabile potare di una decina di centimetri le piante perenni, in modo tale che sugli arbusti non si depositino la neve o il ghiaccio, che finirebbero per spezzarli. Non bisogna potare, invece, in pieno inverno. Il taglio dell’erba deve essere effettuato con regolarità, avendo l’accortezza di mantenerla leggermente alta, così che il terreno possa respirare e non risenta troppo del freddo. Chi ha in mente di posizionare un letto di fiori nuovo in vista della stagione primaverile non deve dimenticare di rivestire la zona interessata con qualche telo di plastica pesante: così facendo si previene la crescita di erbacce (è il vento a trasportarne i semi). Se le previsioni del tempo preannunciano una nevicata di dimensioni consistenti, invece, il prato deve essere coperto con aghi di pino per una pacciamatura profonda diversi centimetri.

Come concimare il prato

Anche per concimare il prato è consigliabile agire in anticipo e iniziare nel tardo autunno, cominciando con una concimazione contenuta ma regolare, tale da fare sì che le funzioni del prato possano essere mantenute senza problemi. Sarebbe meglio adottare dei concimi a lento rilascio, con un contenuto elevato di potassio e con poco azoto: così il prato risulta rinforzato. Non è da escludere l’eventualità che si possa formare del muschio: se dovesse succedere, se ne può arrestare la crescita con dei prodotti a base di ferro. Dopo l’inverno, il prato potrà essere concimato di nuovo in primavera, in corrispondenza del fermento vegetativo.

Come arieggiare il giardino

Il prato deve sempre respirare, ed è per questo motivo che bisogna farlo arieggiare, così che il manto erboso possa ricevere in ogni sua parte la quantità di luce di cui ha bisogno. Come noto, in inverno e in autunno le foglie cadono dagli alberi; ma, così facendo, finiscono per depositarsi sul prato, con effetti potenzialmente negativi per la sua salute. Ecco perché arieggiare il giardino serve a ben poco se prima non si provvede a eliminare le foglie, magari con l’aiuto di un rastrello a denti larghi. Ma a che cosa serve arieggiare? Prima di tutto a prevenire i ristagni di umidità, per contrastare la comparsa e la diffusione di malattie fungine. L’arieggiatura prevede di realizzare dei buchi all’interno del terreno, prima di riempirli con della sabbia e della terra. In presenza di un suolo particolarmente pesante, tale operazione può essere effettuata con la carotatrice.

La scarificazione

Un altro accorgimento che gli esperti consigliano di adottare è quello della scarificazione: si tratta di un’operazione che prevede di sollevare lo strato di feltro che si trova nel manto erboso, eventualmente con l’uso di strumenti ad hoc. Vale la pena di ricordare, invece, che in inverno non serve pressoché mai irrigare il giardino, tenendo conto delle numerose precipitazioni che si verificano in questo periodo. Solo nel caso in cui la pioggia dovesse mancare per diverse settimane, si può bagnare il prato, per evitare che inizi a soffrire, sempre con l’accortezza di evitare i ristagni di acqua, a cui eventualmente si può porre rimedio con un po’ di sabbia. La terra in inverno può essere lavorata solo se non è troppo imbevuta di acqua; per quel che riguarda la semina, invece, è consigliabile non farla se la temperatura è sotto i 13 gradi.